mercoledì 20 novembre 2019

All-in oppure no

Published on luglio 10, 2012 by   ·   No Comments

Molto spesso si sente parlare di All-in nel mondo del poker e potrebbe non essere molto chiaro questo termine come il concetto che si nasconde dietro lo stesso. In realtà il concetto è molto semplice ed è semplicemente quello di mettere nel Pot tutte le proprie chips senza lasciarne nessuna indietro.

Perché si fa questo? Semplicemente perché in determinati casi è la mossa giusta da fare. Ora bisogna comprendere quando sia il caso di andare all-in e quando invece non sia il caso di farlo. Prima di tutto la discriminante essenziale è il vostro stack, come nella maggior parte dei casi e dovrete valutare l’entità del vostro stack rispetto all’ammontare dei Bui, se avete 10 bui o meno (o circa) non esiste altra opzione che l’All-in se vorrete entrare in un piatto.

Questo perché in ogni caso dopo il flop sarete costretti a puntare se vorrete vincerlo e di conseguenza sarete pot committed, (ossia avrete messo troppe chips nel piatto per lasciarlo) e di conseguenza ha più senso andare all-in subito e vedere se qualcuno ha il coraggio o le carte per chiamarvi. Se il vostro stack vi permetterà invece di giocare anche con un semplice raise di 3 o 4 volte il Grande Buio dovrete valutare la situazione.

Nelle fasi finali di un tavolo solitamente si spinge all-in se un giocatore prima di voi a rilanciato e la vostra mano è molto buona o pensiate che il giocatore prima di voi abbia tentato di rubare il piatto e vi sentite forti pensando che folderà ad un vostro rilancio importante. Molti giocatori con una coppia in mano, dopo un rilancio decido no di andare all-in per spaventare il proprio avversario.

Ovviamente questa mossa è ottima se il vostro avversario ha una mano media, ma a volte si rischia di scontrarsi con mani che ci dominano ed in questo caso l’all-in è stata una scelta sbagliata. Come sempre nel poker le strategie sono sempre da valutare a seconda del momento e si possono solo studiare delle linee di massima da seguire, ma l’interpretazione del momento è quella che fa la reale differenza tra un buon giocatore ed uno mediocre e tra una mano vincente ed una perdente.

Ricordatevi sempre che andare all-in è una risorsa molto importante nel poker, non bisogna abusarne, ma bisogna sempre utilizzarla al momento giusto. Solo l’esperienza vi farà comprendere come utilizzare questa strategia e soprattutto quali siano i momenti adatti per farlo e quelli invece dove è meglio essere più cauti.

Tags: ,

Commenti ( 0)

Devi essere loggato per inserire un commento.

Scuola Poker